• English

Associazione per la Meditazione di Consapevolezza Vipassanā

Vicolo d'Orfeo, 1 - 00193 Roma (RM) - a 200 metri da San Pietro - tel (+39) 06 6865148

Interruzione fino al 9 gennaio della pratica del Giovedì.

Comunichiamo ai nostri Soci che per motivi organizzativi gli intensivi di meditazione del giovedì sono sospesi da giovedì 12 Dicembre. I Soci che desidereranno partecipare al Sangha potranno farlo a partire da giovedì 9 Gennaio.

Desideriamo ricordare che l’AMeCo offre da sempre la possibilità di poter praticare la meditazione con continuità ogni giovedì pomeriggio. Ci dispiace però constatare che molti dei partecipanti non hanno ancora ben chiaro cosa significa la pratica di dāna, una delle principali risorse grazie alla quale il buddhismo ha potuto sopravvivere e diffondersi nel corso dei secoli. Infatti questo è un termine – la cui comprensione è centrale per ogni persona che sta nel cammino – che in Pali ed in Sanscrito significa “generosità”. Poter usufruire della sala e della possibilità di praticare insieme non è da intendersi come “gratis”, quanto, piuttosto, come senza prezzo. Ricordiamo che l’AMeCo mette a disposizione ogni giovedì una sala riscaldata, la segreteria che lavora perché tutto si possa realizzare, i bagni puliti da una persona che lavora per noi e la cura con cui tutto viene organizzato. Per poter partecipare agli intensivi di meditazione del giovedì non c’è un importo “corretto” o previsto da donare; dipende principalmente dalla consapevolezza di poter usufruire di tale preziosa possibilità di pratica nel cuore di Roma e dall’apprezzamento di questa opportunità. In aggiunta a tale consapevolezza e apprezzamento l’offerta sarà ovviamente proporzionale anche alla generosità del donatore e alle sue reali possibilità.

Questo scambio di dāna e Dharma ha reso possibile la sopravvivenza degli insegnamenti buddhisti e alla Tradizione di essere tramandata nei secoli.

Gli intensivi del giovedì sono pensati proprio con questo spirito. Quindi esortiamo tutti i partecipanti, qualora ne abbiano la possibilità, a lasciare un dāna.