Associazione per la Meditazione di Consapevolezza Vipassanā

Vicolo d'Orfeo, 1 - 00193 Roma (RM) - a 200 metri da San Pietro - tel (+39) 06 6865148

Come sostenerci

L’ASSOCIAZIONE PER LA MEDITAZIONE DI CONSAPEVOLEZZA NEL 2022 COMPIE 35 ANNI!L’A.Me.Co. ha potuto raggiungere l’importante traguardo dei 35 anni di vita grazie al crescente numero di persone interessate a conoscere e ad approfondire gli insegnamenti del Buddha e la pratica della meditazione vipassana, di consapevolezza (sati mindfulness ). Dal 2020, a seguito del diffondersi del coronavirus, l’Associazione ha cambiato radicalmente la propria modalità di diffusione del Dharma e, avvalendosi della moderna tecnologia, è riuscita non solo ad organizzare tutte le sue iniziative sulla piattaforma Zoom e sulla pagina Facebook, ma anche ad incrementare considerevolmente il numero degli incontri mensili, ampliando anche notevolmente la rosa degli insegnanti ospiti.

Gli insegnati guida e fondatori dell’Associazione, Corrado Pensa e Neva Papachristou offrono ciascuno un incontro a settimana. Le tantissime persone che partecipano a queste preziose occasioni di pratica sentono come il loro cammino interiore venga nutrito e sostenuto sia dalla regolarità degli insegnamenti  di Corrado e Neva, sia dalla presenza della comunità dei praticanti,

Il principale sostegno dell’A.Me.Co. deriva proprio dall’impegno e dalla fiducia con i quali i propri Soci si dedicano sia alla meditazione sia al portare nella loro vita di tutti i giorni i valori insegnati dal Buddha: la compassione, la gentilezza, l’etica, la generosità. la pazienza e la saggezza .

Altri sostegni vitali sono quelli che materialmente consentono all’Associazione di avere i mezzi per poter realizzare il proprio fine istituzionale.  Le quote associative, le donazione e le erogazioni liberali fiscalmente deducibili, unitamente alle entrate derivanti dal gettito otto per mille destinato all’Unione Buddhista Italiana, rappresentano le colonne sulle quali poggia la continuità dell’A.Me.Co.

 La generosità è una qualità altamente considerata nella tradizione del Dharma, infatti è la prima  delle virtù che siamo invitati a coltivare in un cammino spirituale. La parola pali per esprimere la generosità è dāna, che ha la stessa radice della parola dono. Il Buddha sottolinea spesso nei suoi insegnamenti che la pratica del dono è una pratica capace di generare felicità nei nostri cuori, soprattutto perché contrasta la dolorosa abitudine ad essere risucchiati dall’attaccamento che tipicamente si manifesta con uno spiccato senso di separazione dagli altri e con un forte impulso ad afferrare piuttosto che a condividere.

Uno dei modi più diffusi per riassumere il Dharma è quello di presentare la pratica come coltivazione della generosità, dāna, dell’etica, sīla, e della meditazione, samadhi.  La pratica di queste importanti virtù è sostenuta e nutrita dalla consapevolezza (sati- mindfulness). Infatti, se non siamo consapevoli, non ci accorgiamo delle occasioni di possibile generosità, e tanto meno comprendiamo in che modo donare.

In queste celebri parole del Buddha possiamo trovare mirabilmente riassunto il valore della generosità:

“O monaci, se gli esseri conoscessero il frutto della condivisione dell’offerta così come lo conosco io, non mangerebbero senza offrirne ad altri, né esisterebbe in loro l’impurità dell’avarizia che impoverisce la mente.”

(Itivuttaka, Pali Text Society, London, 1975, p. 18)

ISCRIZIONE ALL’ASSOCIAZIONE E QUOTE ASSOCIATIVE

L’Associazione per la Meditazione di Consapevolezza si impegna da 35 anni per rendere la pratica della meditazione e lo studio degli insegnamenti del Buddha accessibili a tutti. E ognuno, attraverso il versamento della propria quota associativa, contribuisce affinchè l’A.Me.Co. possa continuare a portare avanti la sua missione di diffusione di di valori, quali la pace, la saggezza, l’etica e la compassione così fondamentali per il benessere dell’intera umanità.

Leggi qui le informazioni per iscriversi alla nostra associazione: Come iscriversi all’A.Me.Co. 

Scarica il modulo d’iscrizione